Liturgia Parrocchia Leggendo Info

Don Natalino scrive...

...e altri fratelli rispondono...

 

23/09/2017 - I FIORI E I FRUTTI DELLO SPIRITO

«Il Seminatore uscì a seminare»... ogni volta che sento queste parole mi si apre il cuore! Penso allo Spirito di Dio che anche questa mattina è all'opera! Il seme della Parola anche oggi viene lanciato a piene mani sul terreno dell'umanità! Non c'è giorno che passa nel quale qualche terreno venga fecondato! Sì, è vero, moltissimo di quel seme muore e non porta frutto... ma a me piace di più pensare alla bellezza di quei terreni fecondati! Sono uomini e donne trasfigurati, che sanno affrontare il quotidiano con il sorriso sulle labbra, con l'ottimismo nel cuore, con l'entusiasmo nelle mani! Il mondo è pieno di santi, pieni, traboccanti, dell'amore di Dio! Sono quelli che rendono ogni giorno una festa, mai una banalità! E ogni volta che li incontri vai via con il desiderio di vivere! ...e loro non lo sanno nemmeno! Perché loro sono solo strumenti nelle mani di Dio che in loro continua a mostrare il suo volto! ...contempliamo i fiori e i frutti dello Spirito: vedremo in campo del mondo con occhi molto diversi! Buona giornata p.s. Una preghiera per Cesare che ritorna al Padre nel quale ha sperato e creduto


22/09/2017 - CREDO LA CHIESA

A volte mi sembra che anche nella Chiesa si sia fatto spazio un atteggiamento adolescenziale... dalla serie: "questo mi va e questo non mi va! Questo mi piace e questo non mi piace!", una sorta di religione fai da te, con verità e dogmi stabiliti dalla singola persona o dalla stretta cerchia del gruppo degli amici... Così, non è difficile trovare persone che si dichiarano chiaramente contro il magistero del Papa eppure si vantano di essere cattolicissime! Non è così! Già san Paolo esortava l'amico Timoteo ad essere inflessibile nella dottrina, non concedendo libere interpretazioni. Scriveva testualmente: «Questo devi insegnare e raccomandare. Se qualcuno insegna diversamente e non segue le sane parole del Signore nostro Gesù Cristo e la dottrina conforme alla vera religiosità è accecato dall’orgoglio». Lo stesso andrebbe ripetuto a chi spara e sentenzia aprioristicamente contro il magistero del Papa e dei Vescovi... Non si tratta di essere supini... ma nemmeno anarchici! Buona giornata


21/09/2017 - SOPPORTARSI

San Paolo è un fine teologo: quando si leggono alcune pagine c'è da stare con la bocca aperta per la profondità e l'intelligenza del mistero... Insieme, san Paolo è un grande pastore! Non pensa teoricamente ma si rapporta concretamente con la realtà in cui vive... Mi piace il realismo con il quale esorta i cristiani della Chiesa di Efeso: «Comportatevi onestamente sopportandovi a vicenda nell’amore». San Paolo non sta a dire ai cristiani che l'obiettivo è l'amore gratuito, disinteressato, pronto al martirio... chiede semplicemente di imparare a sopportarsi! Nelle comunità cristiane c'è assolutamente da imparare a non essere dei sognatori, auspicando chissà quale qualità nell'amore... c'è, al contrario, da riconoscere che il primo passo è la sopportazione! Non è naturale né spontaneo stare insieme e condividere con delle persone non scelte una Via... Si cominci da sopportarsi! Poi, se si può andare oltre ringraziamo Iddio! Altrimenti si faccia il promo passo... il resto verrà da sé... Buona giornata


20/09/2017 - SOLO UNA PARTE ASCOLTA

«A chi posso paragonare la gente di questa generazione? È simile a bambini che, seduti in piazza, gridano gli uni agli altri così: “Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!”». Gesù lamenta l'incontentabilità dei suoi ascoltatori! Non c'è verso di raggiungerli tutti, hanno sempre qualcosa da ridire... Mi consola molto questa dichiarazione di Gesù: nonostante fosse l'uomo perfetto, non riusciva nemmeno Lui ad realizzare strategie di comunicazione vincenti! C'è da fare appello allo Spirito santo perché sia Lui a rendere fecondo il nostro annuncio! Mai demordere dal lottare per portare il vangelo ovunque... però con il sorriso sulle labbra! Senza recriminare sempre per il livello di adesione raggiunto! Al momento opportuno lo Spirito sa creare cose nuove, inaspettate, inattese... Così: solo chi ha un po' di voglia scopre! Gli altri rimarranno a vita degli spettatori asettici e inconcludenti! Buona giornata


19/09/2017 - NON PIANGERE

Gesù sta camminando per le strade della Palestina e si imbatte nel corteo funebre di un ragazzo, figlio unico di madre vedova. Non appena Gesù vede il dolore che traspare dal volto della madre le dice: «Non piangere!». Gesù sembra non resistere di fronte al dolore dell'umanità... è venuto perché l'uomo abbia la vita e l'abbia in abbondanza! La morte è la nemica per antonomasia! Un gran coraggio quello di Gesù nel rivolgere una tale esortazione ad una mamma a cui la morte ha appena strappato il figlio... eppure, Gesù non ha remore! È talmente evidente al suo cuore che il destino dell'uomo è la gioia piena che non esiste nulla in grado di stemperare la sua serenità! È normale piangere di fronte alla morte... il dolore non si può misconoscere e nascondere... la cosa importante, però, è non disperare! Gesù non permette lo strepito, il pianto ostentato, i discorsi retorici! Di fronte ad ogni situazione critica Gesù sa sempre aprire una strada... fidiamoci! Buona giornata


18/09/2017 - LA PREGHIERA COME RELAZIONE

Il pregare è ciò che caratterizza il credente. Cioè: chi crede esprime la sua fede nell'esercizio della preghiera. Nei miei dialoghi con le persone più disparate devo dire che la gran parte dichiara di pregare in qualche maniera... Quando chiedo che tipo di preghiera, subito si tende a precisare che non è quella legata a formule precise... si tende a ritenere preghiera il semplice pensiero, la sola riflessione personale, il ricordo dei propri cari defunti... In pratica, Dio è stato cancellato ... e se c'è, è senza volto, anonimo, inconsistente! La preghiera ha la fattispecie di una sorta di evasione, di indistinta speranza... Si confonde, in sostanza, la preghiera con la riflessione! La preghiera, invece, è relazione! È confidente abbandono in Dio, è certezza del suo essere con noi e per noi, è dichiarazione della propria finitezza... Per questo san Paolo esorta l'amico Timoteo a ricordare alla sua comunità: «Raccomando, prima di tutto, che si facciano domande, suppliche, preghiere e ringraziamenti a Dio per tutti gli uomini». Ecco il primato della relazione! Da recuperare... assolutamente! Buona giornata


17/09/2017 - MISERICORDIA: È RESTITUIRE LA VITA!

Da cristiani non ci si può esimere dal parlare di misericordia! La misericordia è il tratto tipico del Dio di Gesù Cristo che sempre da la vita e non accetta nemmeno l'ombra della morte! Qual è la prima apparizione della morte nella vita dell'uomo? Fuori dubbio il peccato! Come Dio vuole la risurrezione a fronte della morte così vuole il perdono a fronte del peccato! Sempre per dare vita! Alla stessa stregua devono agire i cristiani: sono chiamati ad essere trasparenza della misericordia di Dio non perdendo l'occasione di rialzare chi è caduto e giace nelle tenebre della morte! Misericordia, in questo senso, non vuol dire dare delle semplici pacche sulle spalle e giustificare tutto, ma operare nella verità e vigorosamente spingere al bene chi ha smarrito la strada della vita! Misericordioso è Gesù quando assolve l'adultera difendendola dalla lapidazione... misericordioso è Gesù quando da dei sepolcri imbiancati ai farisei e li esorta alla autenticità... Ogni atto che restituisce la vita è misericordia! In sostanza: è misericordioso chiunque si impegna perché gli uomini «abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza»! Buona domenica


16/09/2017 - VENIRE ALLA LUCE

«Cristo Gesù è venuto nel mondo per salvare i peccatori, il primo dei quali sono io». Quando uno arriva a dire questa cosa qui significa che ha davvero incontrato Cristo! E incontrando Cristo ha compreso se stesso! Fintanto che una persona si sente giusta significa che non ha conosciuto Gesù! E fintanto che una persona non si accorge che è ingiusta vuol dire che è giace nelle tenebre e deve ancora venire alla luce! Il Battesimo è proprio l'ammissione della propria tenebra e la preghiera di essere illuminati per venire alla luce! Un peccatore che inizia a redimersi è come un cieco che inizia a vedere! E quando uno vede bene scopre tutta la propria finitezza e fragilità... San Paolo è davvero un discepolo meraviglioso: arriva a dire «Cristo Gesù ha voluto in me, per primo, dimostrare tutta quanta la sua magnanimità, e io fossi di esempio a quelli che avrebbero creduto in lui per avere la vita eterna». Per tutti c'è sempre una strada che si apre: questo è Vangelo! Buona giornata p.s. Una preghiera per Luigia che sazia di anni torna alla casa del Padre.


15/09/2017 - MARIA DESOLATA MA CAPACE DI AMARE

Chi non conosce la "Pietà" del Michelangelo? Quello splendido capolavoro scultoreo che si può ammirare nella grande Basilica di san Pietro che ritrae la Vergine Maria con il Figlio appena deposto dalla Croce... non ci si può limitare alla semplice ammirazione della sublime abilità dell'artista! Si è come rapiti nel dramma di quella mamma desolata, inerme, di fronte al cadavere del proprio Figlio... e in Lui di tutti i figli... La morte lo ha rapito ma il suo amore va oltre! I suoi occhi, le sue mani, lo fanno rivivere! L'amore trasfigura la morte! Gesù dall'alto della croce dichiara a tutti i discepoli: «Ecco tua madre!»... Si tratta di lasciarsi prendere fra le braccia da Maria... lasciarsi accarezzare... lasciarsi guardare... Tutto riprende vita! Non c'è uomo toccato dalla morte che Maria non raccolga dalla terra per portarlo con sé! È di un consolante questa notizia da piangere di gioia! Mettiamoci nelle mani di Maria! Buona giornata


14/09/2017 - CROCE, PUNTO D'INCONTRO

La croce, questo segno così caro a noi cristiani... immediato riferimento a Cristo... non c'è Cristo senza croce... la croce è attaccata a Cristo e Cristo è attaccato alla croce... nessuno li può disgiungere, sono una sola cosa! Se incontri Cristo, per forza ti imbatti nella croce... se trovi una croce, per forza incontri Cristo! Cristo è lì, accanto a tutte le croci della storia... è lì che dà appuntamento ad ogni uomo della storia... Nella croce, Gesù sa di poter incontrare tutti... Non c'è uomo che non si imbatta nella croce... Il vangelo parla della croce come innalzamento di Cristo: «bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo»! Gesù, sulla croce è arrivato al punto più alto... in quel momento ha toccato il cielo con le dita... Nella croce Dio e l'uomo si trovano: Dio che si china sulle sofferenze umane e l'uomo che si protende al cielo nel suo profondo bisogno di Dio... Sì: è giusto che la Croce sia celebrata una festa di esaltazione! Buona giornata


13/09/2017 - CONTENTI DI SÈ

I bambini piccoli sono sempre alla ricerca di consenso: fanno le cose per farsi vedere ed essere lodati! È un modo attraverso il quale cercano di ritagliarsi uno spazio nel mondo degli adulti... Man mano che crescono sono sempre meno alla ricerca di approvazione: nella fase adolescenziale, al contrario, fanno di tutto per essere disapprovati, così da definire una vera e propria distanza dal mondo adulto... Quando uno matura? Quando trova un equilibrio: non vive più né per essere approvato né per essere disapprovato, ma solo per essere se stesso! Quello che una persona è e deve essere è la sua ricchezza! C'è da accettare la contrarietà e c'è da accogliere l'approvazione: l'importante è non lasciarsi condizionare! Gesù da uno spunto fortissimo da questo punto di vista: «Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi». La ricerca del consenso si guadagna un bel "guai" da parte di Gesù... Quanto la nostra società è malata di consenso! Vera e propria regressione alla condizione infante... Ragioniamoci su un po'... Buona giornata


12/09/2017 - IL PENSIERO DI CRISTO

«Fate attenzione che nessuno faccia di voi sua preda con la filosofia e con vuoti raggiri ispirati alla tradizione umana». Potrebbero sembrare parole limitanti e oscurantiste, quasi un invito a non ragionare e non pensare... come se un credente non dovesse aprirsi al confronto e al dialogo con la cultura e il mondo in genere. Non è così: sappiamo bene come san Paolo abbia dialogato abbondantemente con l'ebraismo, con l'ellenismo, con il paganesimo... ma l'ancoraggio del suo pensiero era solidamente agganciato al pensiero di Cristo! Troppo facile smorzare e mitigare i paradossi del Vangelo: è la tentazione più allettante! Fare del Vangelo un bella filosofia di vita, un buon manuale del brav'uomo... Non c'è come il buon senso e la logica umana per svuotare lo slancio avanti della fede! Far rientrare tutto nel razionale, nel mediamente accettabile... No: di fronte a esigenze radicali del Vangelo non è mai corretto mediare! Occorre accettare la sfida e mettersi alla sequela... la vita renderà ragione! Buona giornata


11/09/2017 - LIETO NELLE SOFFERENZE

Chi ha letto con un po' di attenzione le Lettere di Paolo sa quanto egli abbia tribolato nell'impresa dell'evangelizzazione! Non ha mai avuto la strada spianata: ostacoli dai farisei, ostacoli dal gruppo dei Dodici, ostacoli da amici, ostacoli dai cristiani generati dalla sua predicazione... ha affrontato, oggettivamente, di tutto e di più! Ma mai ha perso la forza e l'ardore della testimonianza! Fino a dire, come ascoltiamo oggi nella liturgia: «sono lieto nelle sofferenze che sopporto per voi». Gioioso pure nella sofferenza! Di solito, nella prova non si smette di lamentarsi e di recriminare... Paolo no, è lieto! Sa trovare pure nella prova motivi di gioia! Sa che anche la prova non è inutile! Sa che, perseverando nella vita donata, Dio non mancherà di donargli il frutto delle sue fatiche! Ma soprattutto vive la sofferenza con serenità perché pieno d'amore per tutti i suoi fratelli! Un esempio da imitare... Buona giornata


10/09/2017 - ACCOGLIENZA A TUTTI I COSTI

Come percepiamo la Chiesa? Come l'ha pensata Gesù? Quale immagine di Chiesa ci è tratteggiata nel Vangelo? Una comunità accogliente o una comunità escludente? Una comunità di giusti o di peccatori? Una comunità di individui o di fratelli? Non è facile lasciarci evangelizzare... spesso, come Chiesa, agiamo più nella logica del buon senso piuttosto che nella logica del pensiero di Gesù... È dentro questo snodo che si insinua la Parola di oggi! I rapporti tra cristiani devono assumere modalità diametralmente opposte a quelle mondane: ciò che deve interessare è la comunione, l'unità, l'accoglienza! La prospettiva non è quella del "o dentro o fuori" ma dell'apertura a tutti i costi! Se Gesù arriva a dire che al terzo gradi di giudizio un fratello che ha peccato deve essere considerato «come un pagano o un pubblicano» non significa esclusione ma ancora inclusione: Gesù con i pagani e i pubblicani si è seduto a mensa! Li ha cercati nelle case! «Guadagnare un fratello» è l'investimento più redditizio che si possa fare! Buona domenica


09/09/2017 - IL RUOLO DELLA LEGGE

«Un sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli coglievano e mangiavano le spighe, sfregandole con le mani». Noi leggiamo questo versetto del vangelo e restiamo pressoché indifferenti... "cosa c'è di strano?", si potrebbe supporre. Eppure, qui c'è una vera e propria rivoluzione! Gesù libera l'uomo da tutte le sue pratiche religiose per riconsegnarlo alla pienezza della sua condizione filiale! Non si vive dentro un regime con leggi e norme stabilite per mettere i sottoposti nelle condizioni di lottare e faticare per essere considerati giusti! L'uomo è figlio: non ci sono norme prestabilite, ma solo vie per giungere ad una vita piena! Che cosa serve mettere una regola se va contro la vita: la regola deve essere per la vita! Quindi: se l'uomo ha fame, non ha senso che non mangi perché è prescritto di non fare attività manuali! Il non fare attività di sabato è per un altro scopo... mangiare è doveroso! E Gesù lo sancisce in maniera inequivocabile! La vita viene sempre prima di ogni legge! Buona giornata


08/09/2017 - CHIAMATA PER IL SUO AMORE

«Dio ama tutte le creature», così si legge nel libro della Sapienza. Su tutti gli uomini persiste lo sguardo amorevole del Padre! San Paolo arriva a dire persino «Dove ha abbondato il peccato ha sovrabbondato la Grazia». Di certo non è il caso di Maria, dove la Grazia ha abbondato non per il peccato ma per l'amore! Sì: Maria è piena di Grazia perché agli occhi di Dio è parsa così candida e docile da sceglierla come madre di suo Figlio! L'amore di Dio, come si vede è per tutti, ma la modalità attraverso il quale si esprime e si dipana è diverso e originale! Possiamo dire che Maria è stata amata di più? Io credo di no! Possiamo dire, al contrario, che Maria ha amato di più ed è stata «coronata di gloria» perché in Lei l'amore di Dio, avendo trovato accoglienza ha potuto fare prodigi! Come bene ci suggerisce oggi san Paolo: «noi sappiamo che tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio, per coloro che sono stati chiamati secondo il suo disegno». Benedetto il giorno in cui è nata Maria! Buona giornata p.s. Una preghiera per Luisa che prematuramente è tornata alla casa del Padre


07/09/2017 - IL DONO DELLA FEDE

Sempre più spesso mi trovo, nel dialogo con le persone che incontro, a ringraziare il Signore per il dono della fede. Mi accorgo di come, grazie alla fede, lo sguardo sulla vita è sereno e pacificato. Molte delle domande che vedo attanagliare nella tristezza e nell'amarezza tante persone, in Gesù hanno una luminosità quasi accecante. Sì: la fede è un dono immenso! Qualcuno mi chiede: ma se è un dono di Dio, perché non è donato a tutti? Io penso che tutti abbiano nel cuore l'apertura alla Grazia, la predisposizione ad accogliere il dono di Dio, ma non tutti aprono le mani per accoglierlo e custodirlo... Tutti hanno la capacità di respirare ma se si tappano il naso e la bocca se si precludono questa capacità e muoiono... Giustamente San Paolo ricorda ai Colossesi: «ringraziate con gioia il Padre che vi ha resi capaci di partecipare alla sorte dei santi nella luce». La fede è la possibilità di vivere come i Santi nella visione: mai nel buio! Sempre con il Sole che brilla e riscalda! Spettacolo! Buona giornata


06/09/2017 - DIO SEMPRE ALL'OPERA

Troppo simpatico San Paolo: nei suoi scritti appare chiarissimo il suo carattere sanguigno, immediato! A volte duro e arcigno nelle invettive contro gli stili di vita non conformi al vangelo, a volte dolce e generoso nel riconoscere i frutti di grazia emergenti nelle comunità. Un passaggio della sua bontà lo ascoltiamo oggi nell'apertura della sua Lettera ai Colossesi: «Noi rendiamo grazie a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, continuamente pregando per voi, avendo avuto notizie della vostra fede in Cristo Gesù e della carità che avete verso tutti i santi a causa della speranza che vi attende nei cieli». La cosa che vorrei far osservare è il riferimento a Dio: san Paolo fa intendere che ogni passo avanti nel cammino della santità non è mai frutto del solo impegno della volontà ma è sempre dono dall'Alto! Non è piaggeria la sua ma obbedienza alla parola di Gesù: «vedano le vostre pere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli»! Troppo bello! Buona giornata


05/09/2017 - LA PRESENZA DEL MALIGNO

Oggigiorno tutti la sappiamo lunga! Le scienze neurologiche, la psicologia, sono riuscite a dare spiegazioni a moltissime delle forme attraverso le quali si manifesta l'animo umano. Sembra che lo spazio dello Spirito sia stato ampiamente superato: anche le manifestazioni più marcatamente spirituali vengono ridotte a fenomeni circoscrivibili e qualificabili... Non so che cosa pensi tanta gente che viene in Chiesa e sente leggere i Vangeli nei quali Gesù libera uomini posseduti dal demonio! Immagino i molteplici distinguo e le numerose riserve... Eppure, c'è uno spazio dell'umano che solo in Dio può essere decifrato! È uno spazio nel quale o abita e agisce lo Spirito santo o abita e agisce il Maligno... Mi fa impressione mettermi nei panni di coloro che erano nella sinagoga di Cafarnao con Gesù quando «un uomo che era posseduto da un demonio impuro cominciò a gridare forte»: cosa avrei fatto? Cosa avrei pensato? Cosa avrei detto? Gesù interviene e zittisce il Maligno... Mostra che c'è la possibilità di una possessione! Non facciamo gli ingenui da credere che tutto è affrontabile con i soli mezzi della scienza! C'è dell'altro... e va messo nelle mani di Dio! Buona giornata


04/09/2017 - VEDERE

Gesù entra nella sinagoga del paese e «apre il rotolo del Libro». Prima di lui lo avevano fatto altri rabbini... ma quell'aprire apparve come un gesto diverso! Era un aprire che non riguardava il semplice atto fisico ma significava di più: era l'aprire, lo spalancare il senso del Libro! Le Parole che Gesù leggeva non erano più soltanto suoni ma vita! Le parole assumevano la fisonomia della sua carne! E la gente lo percepiva nitidamente... «Gli occhi erano fissi su di Lui»: è interessantissima questa osservazione. Non erano tanto gli orecchi ad essere interessati ma gli occhi: il vedere più che il sentire! Finita la lettura Gesù «riavvolse il rotolo» e proclamò: «Oggi si è compiuta questa Parola». Per chi lo desidera, è possibile vedere che le promesse di Dio effettivamente trovano un compimento! Potremo quasi dire che se l'Antico Testamento aveva come chiave di volta l'ascoltare, il Nuovo Testamento ha il vedere! Anche oggi apriamo gli occhi: le promesse di Dio si stanno compiendo! Buona giornata p.s. Una preghiera per Giuseppe per il quale oggi si compie la Parola della risurrezione


03/09/2017 - FUGGIRE DAL PENSIERO DOMINANTE

«Non conformatevi alla mentalità di questo mondo». San Paolo sa bene quanto sia facile al credente illudersi di essere religioso seguendo alcune regole di buon senso secondo la prassi più comune. Era stato un perfetto fariseo, convinto di fare la volontà di Dio, ma Cristo lo aveva ribaltato come un calzino, aprendogli una prospettiva di conversione completamente nuova: non offrire sacrifici a Dio, ma offrire se stessi! Un cambiamento radicale! San Pietro, il vangelo che leggiamo oggi, sembra incorrere nello stesso difetto di Paolo: non vuole accettare la logica della croce che Gesù ha abbracciato! Vorrebbe distoglierlo, da buon amico... "Che cavolo Gesù accetta di morire consegnandosi agli scribi e ai farisei!"... La pelle anzitutto, per l'uomo comune questo è il criterio madre di tutte le azioni! Così pensa il Satana, angelo decaduto, fautore di una religione mondana, lontana dal cuore di Dio! «Se uno vuol seguirmi, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua»! Parole chiare, senza equivoci di sorta... Buona domenica p.s. Preghiamo per don Michele che oggi inizia il suo servizio nella comunità: ci aiuti ad imparare la logica del perdere la vita come Gesù ci ha insegnato


02/09/2017 - TALENTI A TUTTI

Mi ricordo quando da piccolo vedevo gli altri sempre migliori di me... e li invidiavo... percepivo me stesso come un buono a nulla! Poi, andavo a catechismo e sentivo commentare la parabola dei talenti come se Dio avesse dato a qualcuno di più e a qualcuno di meno... e lo percepivo ingiusto e scorretto! Ai miei amici aveva dato di tutto e di più e a me niente... In realtà, il vangelo non dice affatto che Dio crea persone di serie A e di serie B! Dio da ad ognuno delle responsabilità e dei compiti secondo quanto ciascuno è capace di portarne il peso. Era inutile, quindi, invidiare chi aveva tante qualità: maggiori erano pure le responsabilità! Nessuno è da considerarsi superiore: ognuno deve fare quello che gli è affidato! È la sua parte! Non di più ma nemmeno di meno! Che non accada di sentire gli incarichi più modesti poco importanti: guai se mancassero! Sarebbe la fine della vita comune! Quindi: gioiamo di quello che siamo e diamo il massimo... tutto il resto è nelle mani di Dio! Buona giornata


01/09/2017 - L'OLIO DELLA GIOIA

«Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo». Il Regno dei cieli è una comunità che cerca l'amore e crede che l'Amore presto le verrà incontro! Noi siamo cittadini del Regno nella misura in cui sentiamo ardere in noi il cuore e giorno per giorno ci lasciamo riempire dalla gioia che ci viene dalla certezza che un giorno il Signore verrà e ci salverà! È la gioia l'olio che non dobbiamo farci mancare! Non testimoniamo un bel niente se le nostre vite non brillano della gioia che viene dalla fede! La gioia non la si può vendere... ognuno se la deve "comperare" per sé! Il Regno dei cieli non può essere un contesto di vita triste! Quanto mi opprimo quando vedo la nostra comunità stanca e avvilita... Ma stiamo andando incontro allo Sposo o al patibolo? La fede fa ardere la vita delle persone e le rende felici e contente! Come siamo? Abbiamo questo olio? Procuriamocelo prima che possiamo! Buona giornata


Archivio

2017 / 9 (23)

2017 / 8 (30)

2017 / 7 (23)

2017 / 6 (30)

2017 / 5 (29)

2017 / 4 (29)

2017 / 3 (31)

2017 / 2 (28)

2017 / 1 (31)

2016 / 12 (31)

2016 / 11 (30)

2016 / 10 (30)

2016 / 9 (25)

2016 / 8 (30)

2016 / 7 (31)

2016 / 6 (30)

2016 / 5 (31)

2016 / 4 (29)

2016 / 3 (32)

2016 / 2 (29)

2016 / 1 (31)

2015 / 12 (31)

2015 / 11 (30)

2015 / 10 (28)

2015 / 9 (27)

2015 / 8 (31)

2015 / 7 (31)

2015 / 6 (29)

2015 / 5 (31)

2015 / 4 (30)

2015 / 3 (31)

2015 / 2 (28)

2015 / 1 (21)

2014 / 12 (31)

2014 / 11 (30)

2014 / 10 (31)

2014 / 9 (30)

2014 / 8 (30)

2014 / 7 (31)

2014 / 6 (30)

2014 / 5 (31)

2014 / 4 (30)

2014 / 3 (31)

2014 / 2 (28)

2014 / 1 (22)

2013 / 12 (31)

2013 / 11 (30)

2013 / 10 (31)

2013 / 9 (30)

2013 / 8 (29)

2013 / 7 (31)

2013 / 6 (28)

2013 / 5 (31)

2013 / 4 (26)

2013 / 3 (31)

2013 / 2 (28)

2013 / 1 (23)

2012 / 12 (30)

2012 / 11 (26)

2012 / 10 (31)

2012 / 9 (30)

2012 / 8 (23)

2012 / 7 (23)

2012 / 6 (30)

2012 / 5 (26)

2012 / 4 (30)

2012 / 3 (29)

2012 / 2 (30)

2012 / 1 (22)

2011 / 12 (30)

2011 / 11 (29)

2011 / 10 (31)

2011 / 9 (30)

2011 / 8 (29)

2011 / 7 (29)

2011 / 6 (31)

2011 / 5 (31)

2011 / 4 (30)

2011 / 3 (31)

2011 / 2 (28)

2011 / 1 (26)

2010 / 12 (31)

2010 / 11 (30)

2010 / 10 (31)

2010 / 9 (30)

2010 / 8 (31)

2010 / 7 (30)

2010 / 6 (30)

2010 / 5 (31)

2010 / 4 (28)

2010 / 3 (31)

2010 / 2 (7)

/ (8)

donnatalino@parrocchiadirovellasca.it

tel. 0296342501